Patagonia
Primo tentativo al Cerro Piergiorgio

Gennaio 2006

Nel gennaio del 2006 intraprendo il mio primo viaggio in Patagonia Argentina.
Con Gianluca Maspes, Yuri Parimbelli, Kurt Astner ed Elia Andreola, avevamo l’obiettivo di portare a termine la prima ascensione della parete Ovest del Cerro Piergiorgio, un muro di granito impressionante alto quasi 1000 m che si affaccia sul Cordon Marconi e lo Hielo Continental Sur. La nostra idea era di seguire l’itinerario che lo stesso Maspes con Maurizio Giordani tentarono nel 1996: una linea logica di fessure, diedri e placche su ottima roccia che consentiva una progressione in arrampicata libera e pochi passi in artificiale. Giunti però a metà di quel tracciato un’enorme frana si staccò dallo zoccolo della parete travolgendo Maspes, impegnato a filmarci, e Andreola che seguiva la nostra salita dal “campo base”.
Per nostra fortuna tutto si concluse solo con un grande spavento e per “suerte” nulla di grave per i nostri compagni. Tutto questo però fu sufficiente a farci cambiare i nostri programmi e così, decidemmo di abbandonare il progetto. Durante gli ultimi cinque giorni a El Chalten ripiegammo salendo la Pointcenot per la via Willans e la Ghillamet per la via Brenner. La mia esperienza in Sud America non era ancora conclusa. Altri compagni mi aspettavano più a Nord per tentare una nuova via al Cerro San Lorenzo.